Conservatori

visitatori 609290
utenti collegati 5
18.208.132.74

Nero Su Bianco - Associazione Culturale martedì 27 settembre 2022 ore 10:55:31
Filastrocche

home

accademia
corsi musicali
docenti
calendario lezioni
dove siamo
regolamento
allievi

associazione
chi siamo
statuto
manifestazioni
modulistica
bambini di carta
contatti

community
chat
forum
guestbook
mercatino
newsletter
utenti del giorno

utility
loghi & banner
download
link
almanacco
previsioni meteo
oroscopo musicale
metronomo online

area riservata
report allievi
grafico allievi
recupero password

Giorgio La Pira

Giorgio La Pira Nel 1973 ad Houston (USA) parla al Convegno internazionale I progetti per il futuro ed indica i compiti delle nuove generazioni. Famoso l'inizio del suo discorso: "I giovani sono come le rondini, annunciano la primavera".
Nel contesto di queste molteplici iniziative svolge una intensa attività pubblicistica. Scrive a Capi di Stato, a personalità di ogni continente, ai monasteri di clausura, ai vecchi ed ai bambini di Firenze, tiene discorsi, conversazioni, incontri soprattutto con giovani che lo seguono con entusiasmo avvertendo la grande forza della sua fede e la purezza dei suoi ideali.

Legge e commenta spesso la poesia di Pasternak in cui i popoli e le nazioni sono descritti come fiumi che camminano tutti verso l'unica foce: il Regno di Dio. Che significa la pienezza dell'umanità in comunione con Dio e - come logica conseguenza - l'unità e la pace. Instancabilmente proclama l'imminente attualità della profezia di Isaia.

"Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà elevato sulla cima dei monti; ad esso affluiranno tutte le genti. Verranno molti popoli e diranno: "Venite saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perchè ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri". Egli sarà giudice fra le genti e sarà arbitro fra molti popoli. Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell'arte della guerra" (ISAIA 2,2 ss.).

E' questa visione, di grandiosa e imponente concretezza, che lo sostiene negli ultimi anni, resi difficili da una grave malattia e da qualche penoso isolamento. Il 5 novembre 1977 in un sabato senza vespri come aveva desiderato, conclude il suo pellegrinaggio terreno per entrare nella gloria di Dio.

Precedente Successiva

area docenti




© 2002-2022 Associazione Culturale Nero Su Bianco
Viale Papa Giovanni XXIII, 41/A - 97016 Pozzallo RG